Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo

GIFFONI 2016 - GIULIO BERRUTI E DAVIDE IACOPINI: “LA RECITAZIONE È GIOCO, DIVERTITEVI”

Pubblicato il 22/07/2016
Redazione
GIFFONI 2016 - GIULIO BERRUTI E DAVIDE IACOPINI: “LA RECITAZIONE È GIOCO, DIVERTITEVI”

New entry di Squadra Antimafia 8, nuovo capitolo della saga di Taodue in onda a settembre su Canale 5, Giulio Berruti e Davide Iacopini entusiasmano i giurati del Giffoni 2016 presentando una clip de Il ritorno del Boss e raccontando la loro esperienza dei nove mesi di set.

"Fare gli attori ci rende felici. Ci auguriamo che anche voi possiate fare sempre quello che vi piace" dicono i due protagonisti, che annunciamo una stagione molto più action rispetto al passato e sempre più attenta alle dinamiche di un gruppo, quello della squadra Duomo, ormai cambiato e in cerca di un suo assestamento. "I nostri personaggi vengono da mondi molto diversi: il mio, Carlo Nigro, è il nuovo vice-questore della Duomo e viene dall'esperienza cruda della Omicidi - dice Berruti - mentre Giano Settembrini, interpretato da Davide, è più sanguigno. Entreremo subito in conflitto, ma la nostra iniziale e reciproca diffidenza si trasformerà in una bella amicizia, non senza colpi di scena".

Se una delle prossime destinazioni di Berruti sarà Che Dio ci Aiuti, fiction Rai con Elena Sofia Ricci protagonista, Davide Iacopini ha in cantiere diversi progetti, ma ancora top secret. Non sarà però nel cast di Suburra - La Serie, prima produzione italiana di Netflix tratta dal film di cui è stato protagonista. 

"Non rinunciate al gioco, è sempre il modo migliore per imparare ed è fondamentale anche per recitare" dice ai ragazzi Iacopini, cui fa eco Berruti che racconta di aver iniziato a recitare intorno ai 20 anni per combattere la timidezza e affrontare il blocco che puntualmente gli faceva fare scena muta agli esami: "La recitazione è un percorso che ci permette di conoscerci meglio. L'importante è ascoltarsi, sentire i propri sogni e non fermarsi di fronte agli ostacoli che la vita dissemina sulla nostra via".