Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2016

TRAFFICANTI - WAR DOGS FIGLI DEL DIO DENARO.

Pubblicato il 18/08/2016
VotoVotoVotoVotoMEzzo voto

Un film di Todd Phillips. Con Jonah Hill, Miles Teller, Kevin Pollak, Bradley Cooper, Ana de Armas, Shaun Toub, Gabriela Alvarez, Patrick St. Esprit, JB Blanc, Gregg Weiner.

TRAFFICANTI - WAR DOGS  FIGLI DEL DIO DENARO. DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Ci sono storie che se non sapessimo fossero vere, si farebbe fatica a crederci. Trafficanti - War dogs è una di queste. Due ventenni che s’improvvisano trafficanti d’armi al tempo della guerra in Iraq, grazie anche a certe ingenuità tipicamente americane. È l’espressione ultima del celebrato American Dream, quel sogno americano per il quale chiunque possa farcela, chiunque possa passare da zero a dieci, contando sulle proprie forze. David Packouz (Miles Teller) è sposato e con una bambina in arrivo, si mantiene facendo massaggi a domicilio quando ritrova l’amico d’infanzia Efraim Diveroli (Jonah Hill), il quale nel frattempo è diventato un ricco uomo d’affari. Una guerra come quella in Iraq rappresenta anche e soprattutto un enorme giro di denaro e il governo americano, per approvvigionarsi dell’artiglieria, ha un sito dedicato dove pubblicizza ciò di cui ha bisogno, dai proiettili ai carrarmati, per poi comprare da chi propone l’offerta migliore. Una legge di pari opportunità mette alla pari grosse e piccole compagnie. Non potendo aspirare ai grossi contratti Efraim si ciba, per sua stessa ammissione, delle briciole, ma le briciole vogliono comunque dire milioni di dollari. Essendo giovani c’è tanta irresponsabilità, audacia di chi si sente invincibile, fortuna del principiante. Ovviamente il business improvvisato dà inizio ad una spirale di ingordigia che non può che andare a finire male.
Una storia così assurda ha bisogno anche di tanto humor, humor nero e un regista come Todd Phillips, l’autore di Una notte da leoni, come tutti i flani promozionali non mancano di ricordare, è la scelta più appropriata. Come in The Wolf of Wall Street, come in Quei bravi ragazzi, una saga che narra l’ascesa e la caduta dei protagonisti necessita anche di un ritmo serrato che faccia trasparire il costante pericolo nascosto tra eccessi, soldi e potere. Tra una risata e l’altra generata dagli estremi ai quali arriva Efraim Diveroli, la sua ispirazione è Scarface di Pacino, ovvero una visione esasperata della figura del gangster, c’è spazio per riflettere come una situazione di questo tipo possa veramente verificarsi. L’american dream di cui sopra è reso possibile anche da certe libertà d’azione che un individuo può prendersi, se usa un po’ di furbizia. E il governo non può o non vuole impedirglielo. Fin quando la frittata è fatta e allora si prendono le adeguate misure; perché anticipare uno scenario in cui qualcuno se ne approfitta non è proprio nella loro natura. Jonah Hill in questo tipo di ruoli è straordinario, è un ruolo che sembra essergli stato cucito addosso. Può dar sfogo a tutta la sua istrioneria non perdendo mai la credibilità. Trova poi il giusto bilanciamento nell’interpretazione moderata e meravigliata di Miles Teller, quello con la testa sulle spalle e l’unico con delle vere responsabilità (la moglie a casa), il quale comunque si lascia affascinare e travolgere dalla figura carismatica dell’amico.  Supportato da una colonna sonora energica (e costosa), fatta di brani famosi che scandiscono il susseguirsi degli eventi insieme ad una suddivisione in capitoli, il film suscita un tumulto di emozioni, da rabbia a divertimento. Da vedere per crederci.


Link:
»http://www.wardogsthemovie.com/