Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2017

LA BATTAGLIA DEI SESSI QUESTA FALSA DIVISIONE TRA UOMINI E DONNE

Pubblicato il 21/09/2017
VotoVotoVotoVotoNo voto

Un film di Jonathan Dayton, Valerie Faris. Con Emma Stone, Steve Carell, Sarah Silverman, Andrea Riseborough, Natalie Morales, Elisabeth Shue, Bill Pullman, Alan Cumming, Agnes Olech, Chris Parnell, Jessica McNamee, Austin Stowell

LA BATTAGLIA DEI SESSI  QUESTA FALSA DIVISIONE TRA UOMINI E DONNE DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

La battaglia dei sessi racconta la partita di tennis e l’evento mediatico omonimo avvenuto nel 1973 tra la campionessa Billie Jean King e l’ex-campione maschile Bobby Riggs. In un periodo storico in cui si stavano affermando i diritti all’uguaglianza delle donne, visti ancora con ostracismo da una certa fetta di popolazione, soprattutto quella altolocata, l’incontro sportivo venne a rappresentare molto di più di una partita di tennis. Dietro le quinte ognuno dei due atleti viveva le proprie battaglie personali. Riggs era disperatamente attaccato al gioco d’azzardo, incapace di controllare i propri impulsi, a scapito della vita familiare. La giovane Billie Jean, paladina delle battaglie sociali, doveva fare i conti con le proprie preferenze sessuali, che a quel tempo dovevano rigorosamente essere tenute segrete. La partita divise l’America in due, con lo spavaldo Riggs pronto a cavalcare sfacciatamente il maschilismo delle sue dichiarazioni e Billie Jean desiderosa di provare sul campo da gioco, come fuori, che non esisteva distinzione tra uomini e donne. 
La coppia Jonathan Dayton e Valerie Faris in cabina di regia, conferma le doti nel creare una storia coinvolgente, con una grande dose di umorismo e che sappia toccare anche temi profondi. I due registi mettono in scena la storia vera dell’incontro tra Riggs e King con grande attenzione ai particolari, ai costumi, all’ambientazione d’epoca, portando alla ribalta la parità dei generi, le concezioni sbagliate di superiorità, la falsa distinzione tra sesso debole e sesso forte. È allo stesso tempo un film sportivo, film sociale, femminista. Saper raccontare una grande storia, facendo passare un messaggio è sempre stata una qualità del cinema americano, che ultimamente sembrava essere andata perduta. Merito a Dayton e Faris di voler tornare ad un cinema di spessore che non debba per forza scegliere una strada (quella della commedia becera) o l’altra (il film d’impegno sociale). La scelta degli attori si rivela particolarmente felice, Emma Stone compensa la poca somiglianza alla vera tennista con la passione e la tenacia con le quali colora il personaggio. Steve Carell, sempre più spesso interprete di personaggi realmente esistiti dalla dubbia moralità, presta il suo sorriso beffardo e la sua comicità fisica. È un film a tutto tondo, maledettamente necessario di questi tempi, nei quali spesso si ha l’impressione di star tornando indietro sulle conquiste ottenute per i diritti sociali.  



Link:
»http://www.foxsearchlight.com/battleofthesexes/