Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo

CANNES 2012 - LARRAINE CON 'NO' VINCE LA QUINZAINE DES REALISATEURS

Pubblicato il 26/05/2012
CANNES 2012 - LARRAINE CON 'NO' VINCE LA QUINZAINE DES REALISATEURS
dal nostro inviato a CANNES - Ieri la Quinzaine des Rèalisateurs ha consegnato la lista dei suoi 'migliori'. Ricordiamo che la sezione collaterale ed assolutamente indipendente del Festival di Cannes non assegna un palmares vero e proprio, ma lascia consegnare dei riconoscimenti ad alcuni sponsor. E' stato 'No' del cileno Pablo Larrain a guadagnarsi l'Art Cinema Award. Il terzo film del regista dopo 'Tony Manero' (presentato proprio alla Quinzaine qualche anno fa) e 'Post Mortem' aveva già fatto molto parlare di sé: in molti si sono chiesti perché non fosse stato selezionato per il concorso, vista l'evidente qualità cinematografica di un regista che ha già dimostrato di cosa è capace, e visto anche il tema, forte e originale. 'No' racconta la storia di René Saavedra, un giovane pubblicitario che nel Cile del 1988 accetta di mettere a rischio la sua carriera creando una serie di pubblicità che esortano a votare "no" al referendum imposto da Pinochet. A interpretare quest'uomo che giocò a lungo come il gatto con il topo con i servizi di sicurezza del dittatore è Gael Garcia Bernal. Questo terzo film di Pablo Larrain, tra l'altro, ha segnato un record di vendite nei paesi esteri al Marché du Film (oltre 30 i territori che l'hanno acquistato), ed è stato preso per gli Usa da Sony Classics. In Italia è stato acquistato da Bolero.
Il Label Europa Cinemas, invece, che è un premio assegnato da una giuria di esercenti che garantisce la distribuzione su un ampio circuito di sale europee, è andato alla co-produzione franco-algerina 'Le Repenti' de Merzak Allouache. La storia è quella di Rachid, un giovane jihadista che si consegna alla polizia e beneficia così di un'amnistia; ma il suo pentimento non cancella i suoi crimini.
Infine il premio Sacd, assegnato dalla società degli autori e compositori drammatici ai film francofoni, è andato a 'Camille redouble' de Noémie Lvovsky, e il premio Illy del cortometraggio a 'The Curse' de Fyzal Boulifa, coproduzione tra Regno Unito e Marocco, con una menzione speciale a 'Os vivos tambem choram' (Les Vivants pleurent aussi) di Basil da Cunha.