Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo

PAOLO E VITTORIO TAVIANI SBARCANO A LOS ANGELES

Pubblicato il 14/11/2012
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Prende il via il 14 Novembre la rassegna Cinema Italian Style promossa da Luce Cinecittà  e American Cinematheque con il film candidato dall’Italia per gli Oscar 2012, Cesare Deve Morire di Paolo e Vittorio Taviani. Cinema Italian Style, che ha inaugurato un anno fa, con Dino De Laurentiis, una serie di “omaggi” ai protagonisti dell’industria cinematografica italiana nel mondo, dedica questa edizione al produttore Carlo Ponti, del quale verrà proiettata l’edizione restaurata de La Ciociara, film che valse l’Oscar a Sofia Loren come migliore attrice protagonista.

La presentazione alla stampa si svolge presso la Penthouse del Luxe Hotel, lussuoso albergo di Beverly Hills e ad accompagnare i fratelli Taviani in questa avventura americana ci sono alcune giovani promesse del cinema italiano: Carolina Crescentini, Andrea Bosca e Claudia Potenza. La calorosa accoglienza losangelina e la presenza di giovani di talento spinge i due maestri a raccontare aneddoti divertenti dei loro precedenti a Hollywood, finendo con l’augurare un roseo futuro agli attori italiani che vogliono affermarsi all’estero.
Prima Vittorio: “Noi amiamo talmente Los Angeles che qualche anno fa ne abbiamo ricostruito una parte in Toscana, a casa nostra per un film. Quando siamo venuti qui a fare una ricerca per vedere se era rimasto qualcosa del mondo di Chaplin non abbiamo trovato niente. Eravamo disperati fin quando il nostro scenografo ha esclamato: l’abbiamo trovato! Dovete sapere che in una delle vostre strade c’è un palo della luce che è lo stesso che c’era al tempo di Chaplin. A quel punto abbiamo detto: Adesso possiamo tornare in Italia, abbiamo trovato la nostra Hollywood”.
Poi Paolo: “Quando Vittorio parla così a lungo viene voglia di rinchiuderlo a Rebibbia dove abbiamo girato il film. A parte gli scherzi, sono felice di vedere la scritta Hollywood e queste facce di giovani molto bravi. Spero riescano ad essere riconosciuti come bravissimi attori anche qua. Abbiamo esportato dall’Italia molte immagini belle e brutte. La mafia per esempio, ma il cinema italiano è un’immagine che gli americani hanno sempre riconosciuto come un’immagine bella. Quindi voglio augurare a questi ragazzi quello che Fellini disse a noi la prima volta che lo incontrammo. Sì avvicinò all’orecchio e sottovoce sussurrò: Buona fortuna, Paolo. E la stessa cosa disse a Vittorio. Questo grande segreto voglio augurare a questi ragazzi, buona fortuna”.

Oltre Cesare deve morire, sono dieci i titoli in cartellone da giovedì 15 al Cinema Aero di Santa Monica, selezionati da Laura Delli Colli per presentare al pubblico americano il cinema italiano contemporaneo. Diaz, Non Pulite Questo Sangue di Daniele Vicari, L’Industriale da Giuliano Montaldo, Acciaio di Stefano Mordini in contemporanea con l’uscita italiana, Il Rosso e Il Blu di Giuseppe Piccioni, La Kryptonite Nella Borsa di Ivan Cotroneo, Il Cuore Grande Delle Ragazze di Pupi Avati,  I Primi Della Lista di Roan Johnson, Il Giorno In Più di Massimo Venier, Magnifica Presenza di Ferzan Ozpetek e Posti In Piedi In Paradiso di Carlo Verdone. Cinema Italian Style è anche l’avamposto delle celebrazioni per l'Anno della Cultura Italiana negli USA (2013), il cui annuncio sarà dato dall' Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Claudio Bisogniero.