Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2015

DEMOLITION FARSI A PEZZI PER RICOMPORRE LA VITA.

Pubblicato il 10/04/2016
VotoVotoVotoNo votoNo voto

Un film di Jean-Marc Vallée. Con Jake Gyllenhaal, Naomi Watts, Chris Cooper, Judah Lewis, C.J. Wilson, Polly Draper, Malachy Cleary, Debra Monk, Heather Lind, Wass Stevens.

DEMOLITION  FARSI A PEZZI PER RICOMPORRE LA VITA.
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Davis (Jake Gyllenhaal) è un giovane banchiere di New York che nei primi minuti del film perde la moglie a seguito di un incidente stradale. Il suocero (Chris Cooper), con il quale Davis non ha mai avuto un rapporto idilliaco, vorrebbe che i due si facessero forza a vicenda per superare la dolorosa perdita, ma l’uomo sembra avere una reazione quasi “distratta”. Un episodio insignificante, quale un distributore automatico inceppato, mette in moto una spirale autodistruttiva in Davis, dalla quale solo lui potrà trovare il modo per uscirne.
Demolition è un film che mette in scena i diversi modi di elaborare un lutto. La società che ci circonda spesso si aspetta e pretende un certo comportamento, ma quando si perde una persona a cui si è legati, non si può prevedere il tipo di reazione. Fin quando non ci si trova nel momento risulta difficile dire come ogni individuo possa reagire. Davis, il personaggio interpretato da Gyllenhaal, in primis sembra chiudersi completamente in sé stesso, quasi rifiutando di accettare l’accaduto. Mentre i suoceri cercano di trovare un senso istituendo un’associazione di beneficenza nel nome della figlia, Davis trova distrazione nel lavoro, come se nulla fosse accaduto finché una frase del suocero sullo smontare le cose per capirne il funzionamento, buttata lì quasi per caso, diventa per Davis un’epifania spinta all’estremo. L’uomo smonta qualsiasi pezzo della sua vita, simbolicamente e letteralmente, scindendo pezzo per pezzo qualsiasi cosa gli si trova davanti, dagli elettrodomestici fino all’intera casa, smontando in senso figurato sé stesso nella speranza di trovare un perché all’accaduto. È un percorso folle che lo spinge anche a scrivere lunghe lettere liberatorie ad una compagnia di distributori automatici, rea in ospedale di aver rifiutato di far scendere lo snack dopo aver inserito correttamente la monetina. Karen, responsabile del servizio consumatori, rimane commossa dalle lettere e stabilisce un contatto con l’uomo, probabilmente trovando qualcosa di sé stessa negli sfoghi. Si tratta di un film che sposta tutta l’attenzione sulle emozioni, la cui trama può sembrare avere uno sviluppo banale, ma solo secondo una lettura di superficie, in realtà nasconde un intricato percorso interiore, espresso con convinzione da Gyllenhaal. Il regista Jean-Marc Vallée (Dallas Buyers Club, Wild) ha anche il merito di evitare la trappola del romanticismo: il rapporto tra Davis e Karen non sfocia mai in una relazione d’amore, a dispetto di come personaggi esterni alla loro vicenda vedano il loro avvicinamento. Sono due persone in un punto cruciale della propria esistenza che si trovano e si consolano a vicenda. Il vero punto di forza del film è il rapporto che Davis ha con il figlio adolescente della donna. E qui l’esordiente Judah Lewis dimostra grandi qualità recitative, perché il giovane personaggio é in quella fase di età critica in cui si cerca sé stessi e ci si ribella al mondo. I loro incontri sono la parte meglio riuscita del film. Non tutto però funziona a dovere, a volte il film manca di coesione narrativa ed è anche afflitto da una rivelazione finale fuori luogo che nulla aggiunge alla trama o ai personaggi, sembra messa lì forzatamente e di cui se ne sarebbe fatto volentieri a meno. Tuttavia le ottime interpretazioni unite ad una colonna sonora ricercata ed efficace vengono in aiuto affinché il film stabilisca un legame emotivo e celebrale con lo spettatore.

Link:
»http://www.foxsearchlight.com/demolition/