Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2016

LA LEGGE DELLA NOTTE AFFLECK SULLE TRACCE DEL GENERE NOIR

Pubblicato il 26/01/2017
VotoVotoVotoNo votoNo voto

Un film di Ben Affleck. Con Ben Affleck, Chris Messina, Sienna Miller, Robert Glenister, Remo Girone, Brendan Gleeson, Zoe Saldana, Miguel, Elle Fanning, Chris Cooper, Anthony Michael Hall, Massi Furlan, Matthew Maher, Titus Welliver, Max Casella

LA LEGGE DELLA NOTTE  AFFLECK SULLE TRACCE DEL GENERE NOIR DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

La legge della notte é una epopea ambientata durante il proibizionismo degli anni Venti, che vede per protagonista Joe Coughlin (Ben Affleck), figlio di un commissario della Polizia di Boston (Brendan Gleeson), scegliere la strada opposta a quella del genitore e compiere la sua scalata al potere nella malavita. L’ascesa è da subito in salita nel momento in cui Joe s’innamora della donna del boss della mafia irlandese, avvenimento che scatena una reazione a catena fatta di sangue e vendetta. Dietro l’angolo c’è la mafia italiana rivale, capeggiata da Maso Pescatore (Remo Girone), pronta ad accogliere Joe a braccia aperte, ma con un alto prezzo da pagare.
La legge della notte é uno di quei casi che fa disperare gli amanti del cinema. È un film dalle grandi potenzialità, un film che avrebbe potuto diventare un nuovo classico del genere da accostare a quelli del passato, eppure riesce nell’intento solo a tratti. Che il genere su mafia e gangster abbia esaurito le cose da dire? Non vogliamo pensare sia così. Ben Affleck, il quale scrive, dirige, produce e interpreta, realizza un omaggio sentito ad un certo tipo di cinema, con grande ambizione e passione, tuttavia incappa in alcune ingenuità che, dopo quello che aveva dimostrato dietro la macchina da presa con Argo e Gone Baby Gone, si sarebbero potute evitare. Si prenda ad esempio, la voce fuori campo che accompagna gran parte della narrazione del film. È un richiamo agli anni settanta, voluto, ma qui abusato, che alla lunga ammazza il ritmo della storia. Sono presenti anche grandi momenti: l’evoluzione del personaggio di Loretta (Elle Fanning), la figlia dello sceriffo Irving Figgis (Chris Cooper), da prostituta e guida spirituale e come il suo percorso influenzi i piani di Joe è da solo un racconto al quale avrebbe potuto essere dedicato un intero film a sé stante. Il credo di una piccola cittadina, capace di arrivare lì dove la politica e la legge falliscono, è di indubbio fascino ed arricchisce la tensione narrativa. Lo spostamento da Boston nella calda Tampa della Florida, l’entrata in scena di Zoe Saldana, il confronto finale, sono tutti lampi di grande cinema, purtroppo diluiti in una saga alla quale manca coesione. Il veterano Remo Girone è chiamato ad interpretare l'ingrato ruolo di capo della mafia, ma la grande rivelazione è Chris Messina nei panni di Dion Bartolo, braccio destro di Joe e, seppur in un ruolo minore, Massi Furlan, entrambi lanciati verso la vetta dell’olimpo di Hollywood. La legge della notte si pone nel panorama del genere come noir nostalgico, senza mordente, ma dalla produzione impeccabile. 


Link:
»http://www.livebynight.movie/