Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2016

POLINA COLCOA 2017

Pubblicato il 29/04/2017
VotoVotoVotoNo votoNo voto

Un film di Valérie Müller, Angelin Preljocaj. Con Anastasia Shevtsova, Aleksey Guskov, Niels Schneider, Juliette Binoche, Veronika Zhovnytska, Miglen Mirtchev, Kseniya Kutepova, Sergio Díaz, Ambroise Divaret, Irina Vavilova, Jeremie Belingard.

POLINA  COLCOA 2017 DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Il film trae ispirazione dalla graphic novel di Bastien Vivès, ambientata nel mondo della danza classica. È la storia di Polina, bambina della Russia post-unione sovietica degli anni ’90, la quale sogna di diventare prima ballerina della prestigiosa Bolshoi. Sotto la spinta dei genitori che vedono nella piccola una via d’uscita dalla povertà e dagli affari loschi in cui è implicato il padre e sotto la guida del severo maestro Bojinski, Polina s’impegna al massimo, anche per vincere un’innata insicurezza che cerca continua rassicurazioni e che la lascia costantemente insoddisfatta. Il raggiungimento degli obiettivi, di fatti, non le basta e, anche a causa dell’amore che si mette di mezzo, decide dapprima di passare dalla classica alla moderna e poi addirittura di negare tutto per trovare davvero la sua strada. 
Diretto dal ballerino e coreografo Angelin Preljocaj, il film mette in scena una parabola di formazione, nella quale le esibizioni di danza sono ottimamente rappresentate, alle quali viene dedicato il giusto tempo sullo schermo, dimostrando la reverenza di chi è del mestiere. Apprezzabile anche la scelta delle musiche che contaminano la classica con musica moderna, spesso beat da discoteca, a sottolineare il tumulto emotivo della protagonista. Nonostante tutte le buone intenzioni, quello che non viene fuori è il pathos, l’ossessione di raggiungere la perfezione, il dramma che ha caratterizzato celebri pellicole incentrate sullo stesso tema. Il percorso da bambina ad adulta di Polina, calca un terreno fin troppo familiare. La protagonista fugge dal conformismo della madre Russia, prima per seguire l’amore poi, delusa anche da quello, fugge completamente dalla danza. Si ritrova a sacrificare il suo talento, a toccare il fondo, prima di ritrovarsi e rendersi padrona del suo destino. È un film di ottima fattura, ben coreografato e fotografato sempre però sul filo del dramma senza riuscire mai a fare l’ultimo passo. Fortunatamente a garantire la presa sul pubblico c’è la giovane Anastasia Shevtsova, ballerina di professione, magnetica quanto basta nel suo esordio davanti la macchina da presa per convincere il pubblico ad accompagnarla nel suo viaggio.


Link:
»http://www.colcoa.org/