Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2017

DUNKIRK NOLAN RIDEFINISCE LE REGOLE DEL FILM DI GUERRA

Pubblicato il 20/07/2017
VotoVotoVotoVotoMEzzo voto

Un film di Christopher Nolan. Con Fionn Whitehead, Damien Bonnard, Aneurin Barnard, Harry Styles, Barry Keoghan, Mark Rylance, Tom Glynn-Carney, Tom Hardy, Jack Lowden, Cillian Murphy, Kenneth Branagh, James D'Arcy, Lee Armstrong, James Bloor

DUNKIRK  NOLAN RIDEFINISCE LE REGOLE DEL FILM DI GUERRA DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Christopher Nolan porta in scena una pagina della Storia Inglese, l’evacuazione della spiaggia di Dunkirk, rimasta impressa nella memoria collettiva anglosassone. Più che una battaglia, fu una missione disperata per recuperare la milizia inglese e anche quella francese, entrambe rimaste isolate sulla spiaggia, accerchiate dai tedeschi. Un’operazione che sa di ritirata (e che, infatti, come tale fu additata da Churchill), ma che ebbe un’immensa influenza sugli eventi che seguirono nella Seconda Guerra Mondiale, perché servì a risollevare gli animi della popolazione. Non fu tanto l’esito in sé, ma quanto il contributo dato da tutti nel salvare le vite umane ad essere in grado di risollevare il morale nell’esercito e nella popolazione britannica. Lo spirito a volte può andare oltre le armi. Nolan presenta tre diversi punti di vista dello stesso scenario: in terra, in aria e in mare, caratterizzate da diverse linee temporali, una settimana in terra, un giorno sulle acque e un’ora in aria. Questa decisione, per quanto magistralmente montata e tenuta in piedi da un’incessante colonna sonora ad opera di Hans Zimmer, può lasciare disorientati, soprattutto all’inizio. Non è sempre chiaro in che momento ci troviamo; é solo quando alcuni personaggi compaiono più volte nella stessa situazione, ma sotto un diverso punto di vista, che il quadro comincia a delinearsi. Si tratta comunque di film altamente intenso, quasi viscerale, che ha una morsa che non lascia scampo, fino alla fine. A cercare di dare punti di riferimento al pubblico immerso in un’evacuazione che sembra non aver fine, e le cui possibilità di successo sembrano impossibili se non fosse per l’esito risaputo, dà man forte il cast. Facce che restano impresse, come quella di Tom Hardy pilota della Royal Air Force che insegue e cerca di abbattere gli aerei tedeschi che continuano a bombardare. Mark Rylance, umile pescatore che parte con la sua piccola imbarcazione, il figlio adolescente e l’amico altrettanto giovane, allo scopo di salvare quanti più uomini possibili. L’esordiente Fionn Whitehead, il quale interpreta un soldato come tanti in continua lotta per la sopravvivenza, testa bassa e furbo a trovare ogni espediente per raggiungere la nave che lo porterà alla libertà. Sono questi i capisaldi ai quali tenersi aggrappati in un film dalla struttura non convenzionale, ma altamente emotivo, che fa sentire la guerra addosso. Momenti di grande cinema come la pioggia di volantini che avvisano le truppe di non avere scampo, il primo devastante attacco dal quale non ci si può nascondere, la poesia di una sepoltura sotto la sabbia priva di dialoghi, fatta solo di sguardi. Non è un film adatto a tutti, soprattutto se ci si aspetta la guerra rappresentata da Hollywood in tante pellicole, spesso capolavori, ma chi è disposto vivrà un’esperienza cinematografica che non lascia indifferenti.   

Link:
»http://www.dunkirkmovie.com/