Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2019

RICHARD JEWELL SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA

Pubblicato il 16/12/2019
VotoVotoVotoNo votoNo voto

Un film di Clint Eastwood. Con Paul Walter Hauser, Sam Rockwell, Olivia Wilde, Jon Hamm, Kathy Bates, Ian Gomez, Nina Arianda, Charles Green, Mike Pniewski, Ronnie Allen

RICHARD JEWELL  SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

In un clima politico così teso e acceso, come quello che stanno vivendo gli Stati Uniti, è evidente come la storia di Richard Jewell possa aver attirato l’attenzione di un conservatore convinto quale è Clint Eastwood. Basato su un fatto realmente accaduto nel 1996, è la storia di una guardia di sicurezza pubblica, Richard Jewell, un semplicione neppure tanto colto, con manie di appartenenza alle forze dell’ordine. Un fanatico dal quoziente intellettivo non particolarmente brillante che lo porta spesso a scontrarsi col sistema che tanto ammira. Durante le Olimpiadi di Atlanta scoppia una bomba al Centennial Park causando centinaia di feriti e due morti. Jewell, il quale aveva studiato a fondo tutte le procedure antiterroristiche, è il primo ad individuare la bomba e ad attirare l’attenzione delle altre forze dell’ordine. Data la sua natura fanatica sia l’FBI, alla quale viene commissionata l’indagine, che la stampa, sono pronti ad additarlo come il colpevole. La prima gallina che canta è quella che ha fatto l’uovo. E così un uomo innocente, il quale stava solo facendo il suo dovere, risulta il sospettato numero uno, costretto a provare la propria innocenza.

Richard Jewell rappresenta l’americano medio, che crede fermamente nel proteggere gli altri e sé stesso con le armi, che però viene tradito dalle entità governative in cui crede. E fondamentalmente l’essenza dell’America rurale, quella che vota con le viscere, invece che con la testa. L’assurda situazione in cui l’uomo si è venuto a trovare è l’emblema delle fake news. E l’occasione per Eastwood di infilare le proprie convinzioni politiche nella storia di un uomo ingiustamente accusato. Il doppio fine è talmente evidente che non si può fare a meno di pensare che il povero Jewell sia stato ancora un volta strumentalizzato. Detto ciò, Paul Walter Hauser, il quale interpreta Jewell, non solo rassomiglia fisicamente all’originale in una maniera incredibile, ma da solo mantiene sulle sue spalle l’intero film. La sua è una performance eccellente, che genera empatia. Per quanto il personaggio possa fare irritare con la sua personalità, non si può fare a meno di stare dalla sua parte. È pur sempre un uomo falsamente accusato, seppur tutti i suoi comportamenti possano fare pensare il contrario. L’unica sua colpevolezza è quella di non essere particolarmente furbo. Ben recitato, ma purtroppo troppo politicizzato per ottenere una coesione narrativa, Richard Jewell è un film che non riesce a lasciare un forte segno.
    

Link:
»http://www.richardjewellmovie.com