Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Logo
Anno di produzione 2020

GREYHOUND - IL NEMICO INVISIBILE SPARA A SALVE. COLPISCE MA NON AFFONDA

Pubblicato il 18/07/2020
VotoVotoMEzzo votoNo votoNo voto

Un film di Aaron Schneider. Con Tom Hanks, Stephen Graham, Rob Morgan, Elisabeth Shue, Manuel Garcia-Rulfo, Karl Glusman, Tom Brittney, Travis Quentin, Matt Helm

GREYHOUND - IL NEMICO INVISIBILE  SPARA A SALVE. COLPISCE MA NON AFFONDA DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Tratta dal romanzo The Good Shepherd scritto da Cecil Scott Forester, la pellicola narra l’impresa del Comandante Ernest Krause (Tom Hanks) al comando del cacciatorpediniere statunitense Keeling, nome in codice Greyhound. Siamo agli inizi del coinvolgimento degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale e l’incarico è quello di scortare una flotta di trentasette navi alleate verso Liverpool durante la Battaglia dell’Atlantico, sotto l’attacco degli U-boat tedeschi.
Greyhound approda direttamente sulla piattaforma streaming della Apple, a causa del Covid-19. Lo spettacolo è di alto livello, tanto che avrebbe meritato la sala, anziché essere relegato al salotto di casa, ma non centra il bersaglio. Greyhound è un film piatto. La fotografia è da manuale, la produzione impeccabile, ma quello che manca al film è il pathos, il dramma che caratterizza i grandi film di guerra. È una battaglia continua a colpi di cannonate, a volte ai nostri eroi gli dice bene, altre hanno la meglio i tedeschi. È più battaglia navale questo che il film-giocattolo fracassone Battleship di Michael Bay. Il tutto, tra l’altro, si svolge in poco più di 90 minuti, manca quindi dell’epicità richiesta dal tipo di film. Quando arriva il finale ovviamente arriva anche la parentesi emotiva, il momento dedicato al riconoscimento del valore del capitano e di quelli che hanno combattuto al suo fianco. Troppo poco e troppo tardi. Tom Hanks è sempre lui, in una performance senza infamia e senza lode: è un ruolo che potrebbe fare anche col pilota automatico a questo punto della sua carriera. Non fa niente di straordinario, ma non lo si può neanche criticare. Un’occasione mancata.


Link:
»http://www.apple.com/tv