Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Breaking News»
Logo
Anno di produzione 2017

LOGAN - THE WOLVERINE UN ADDIO SENTITO E POETICO

Pubblicato il 05/03/2017
VotoVotoVotoVotoNo voto

Un film di James Mangold. Con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook, Stephen Merchant, Elizabeth Rodriguez, Richard E. Grant, Eriq La Salle, Elise Neal, Quincy Fouse, Jason Genao, Hannah Westerfield, Bryant Tardy, Ashlyn Casalegno, Alison Fernandez, Parker Lovein, Dave Davis.

LOGAN - THE WOLVERINE  UN ADDIO SENTITO E POETICO DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

É un X-men diverso, nei toni e nel linguaggio, questo ultimo capitolo dedicato a Wolverine, il supereroe più amato della saga. Un film molto dark, ma anche molto sentimentale, che sicuramente chiude un ciclo per, forse, aprirne un altro. Siamo nel 2029, i mutanti X-men sono perlopiù estinti, a causa di un virus creato dal Progetto Transigen. Wolverine (Hugh Jackman) vive e sopravvive come autista di limousine, affogando la rabbia interiore nell’alcool e, soprattutto, sentendo che anche per lui l’ultima ora è vicina. L’avvelenamento da adamantio ha intaccato il suo potere rigenerante e, ormai invecchiato, si nasconde nei meandri di una cittadina al confine col Messico. La sua speranza è quella di mettere da parte abbastanza denaro per una casa galleggiante che permetta a lui e al professor Xavier, tenuto nascosto in una fonderia abbandonata, di andare a vivere in acque internazionali, lontani da una civiltà che non li ritiene più i benvenuti. I responsabili dell’estinzione degli X-men sono anche responsabili di un esperimento genetico su bambini resi mutanti in laboratorio, col fine di trasformarli in macchine da guerra. Quando la piccola Laura (Dafne Keen), dai poteri simili a quelli di Wolverine, scappa spetta all’uomo con gli artigli di adamantio il compito di salvarla.
Logan - The Wolverine è un film crepuscolare, nel quale il personaggio conduce un’esistenza controvoglia. L’incontro con la giovane Laura mette in moto la vicenda, ma serve anche a ridare un senso alla vita del mutante. Non c’è lo spettacolo puro, seppur le sequenze d’azione non manchino, manca quel dispendio di effetti speciali tipico di una produzione Marvel, c’è invece un ragionato ed emozionante racconto di un rapporto simil padre-figlia, un viaggio all’inseguimento di una chimera, un Eden per i mutanti, la cui esistenza è continuamente messa in discussione. Il film funziona sia come nuovo approccio alla saga e ai film sui supereroi in senso lato, sia come ponte, come passaggio di testimone ad un nuovo gruppo di mutanti che possano prolungare il franchise. Con l’esperienza della “First class” di McAvoy e Fassbender chiusa, e le vecchie glorie già passate ad altro dopo Giorni di un futuro passato, è il modo migliore per presentare nuovi personaggi dando un senso di continuità alla storia. Hugh Jackman è particolarmente bravo ad offrire un lato del personaggio non ancora esplorato, la sofferenza che traspare è merito di un’interpretazione composta e intensa. A brillare è, però, la giovane Dafne Keen, la quale interpreta Laura. È a lei che si deve il coinvolgimento emotivo dello spettatore, e la possibilità di futuri sequel. Riuscire ad entrare nei cuori con un solo film non è facile, e non tutti ne sarebbero stati capaci (basti pensare ad altre occasioni dove il passaggio di testimone ad un attore più giovane ha fallito miseramente). A far da bonus alla visione c’è il trailer di Deadpool 2 che precede la pellicola, nel quale il personaggio di Ryan Reynolds annuncia il suo ritorno, ma non riesce nell’intento di salvare la città dal crimine. In puro metacinema il cartellone della sala della città annuncia proprio Logan.

Link:
»http://www.foxmovies.com/movies/logan