Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Breaking News»
Logo
Anno di produzione 2017

LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE NON SVEGLIARE IL CAN CHE DORME

Pubblicato il 26/03/2017
VotoVotoVotoMEzzo votoNo voto

Un film di Daniel Espinosa. Con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada, Olga Dihovichnaya, Ariyon Bakare, Naoko Mori, Camiel Warren-Taylor, Alexandre Nguyen, Elizabeth Vargas.

LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE  NON SVEGLIARE IL CAN CHE DORME DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Una missione nello spazio alla ricerca della vita su Marte per rispondere alla domanda che attanaglia l’umanità dalla notte dei tempi: siamo soli nell’universo? La ricerca ha successo e gli astronauti scoprono l’esistenza di un organismo vivente, salutata dalla Terra come la scoperta del secolo. L’affiatata squadra di astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ognuno con la propria mansione, dal medico, all’esperto di botanica, a quello di meccanica, rimangono tutti affascinati. L’euforia lascia presto il passo all’analisi in provetta e al microscopio; quando però il piccolo organismo va in ibernazione, la tentazione di risvegliarlo per continuare gli esperimenti è troppo forte. L’errore si rivela fatale per molti membri della crew.
Life è chiaramente un film di genere, che passa dalla fantascienza all’horror e, diciamolo subito, ricalca spudoratamente Alien. L’ispirazione è talmente ovvia, nell’atmosfera, nella struttura, nei personaggi, che si potrebbe quasi parlare di remake. Accettata quindi la dovuta premessa, ci si può lasciare andare ad un storia di “terrore nello spazio” che è tuttavia godibile. Niente risvolti filosofici, ma grande produzione, tanta attenzione ai dettagli, ben recitato e ben fotografato. Come ormai ci si aspetta, nessuno dei personaggi è al sicuro, anche quando a dargli voce e corpo c’è un nome blasonato in cartellone; si tratta di un risvolto narrativo che non sorprende più. Il film diventa quindi una lotta per la sopravvivenza, con, bisogna ammetterlo, i suoi momenti di elevata tensione. È lì l’arma più forte del film, saper tenere il pubblico incollato allo schermo anche quando la storia sa di già visto. La buona riuscita sta tutta nell’immedesimazione nei personaggi. In questo Jake Gyllenhaal è particolarmente bravo, senza la sua capacità di rendere partecipi gli spettatori, staremmo a parlare di un b-movie da drive in. Seppur quindi Life non aggiunga niente di nuovo, resta un ottimo prodotto di intrattenimento con il suo effetto shock, di sicura presa.

Link:
»http://www.lifemovie.com