Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Breaking News»
Logo
Anno di produzione 2017

WONDER WOMAN DONNE GUERRIERE DAVANTI E DIETRO LA MACCHINA DA PRESA

Pubblicato il 01/06/2017
VotoVotoVotoVotoNo voto

Un film di Patty Jenkins. Con Gal Gadot, Chris Pine, Connie Nielsen, Robin Wright, Danny Huston, Elena Anaya, David Thewlis, Saïd Taghmaoui, Ewen Bremner, Eugene Brave Rock, Lilly Aspell, Lucy Davis.

WONDER WOMAN  DONNE GUERRIERE DAVANTI E DIETRO LA MACCHINA DA PRESA DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Nell’isola delle Amazzoni, la piccola Diana sogna di diventare una guerriera come tutte le donne che la circondano. Sua madre e regina delle Amazzoni cerca di proteggerla dal mondo esterno e le racconta di come Ares, dio della guerra, arrivò a corrompere l’umanità scatenando le ire di Zeus. Il loro compito è quello di prepararsi ad un possibile ritorno di Ares e di sconfiggerlo una volta per tutte. Diventata adulta Diana non riesce a sottrarsi al suo destino, che diventa palese quando il pilota Steve Trevor precipita sull’isola e racconta della terribile guerra mondiale che sta distruggendo l’umanità.
Ci sono due eroine in questo film: una è Gal Gadot, scelta azzeccatissima per interpretare Wonder Woman, la quale non presta solo volto e corpo a questa nuova incarnazione, ma le dona un forte carattere epico unito ad un senso di ingenuità. Wonder Woman diventa così umana e dea al tempo stesso; cosa che non è così scontata, nel caso ci fosse stata un’altra attrice a vestirne i panni. Ed è vero, Gadot era già apparsa in Batman v Superman, ma non aveva ancora avuto occasione di dimostrare quanto davvero fosse calata nel ruolo. L’altra eroina è la regista Patty Jenkins, la quale attorno ad una trama un po’ troppo convenzionale, confeziona un’opera che ha cuore, priva di punti morti, sicura di sé stessa e che dà sicurezza a coloro i quali prendono Wonder Woman a modello. Sembra superfluo dirlo, ma Jenkins fa quello che ogni bravo regista dovrebbe fare, ovvero supervisiona ogni aspetto della pellicola, non lascia niente al caso. Tutti i personaggi che ruotano attorno alla protagonista, a cominciare dal pilota Steve, il bravissimo Chris Pine, sono tutti ben scritti e pieni di sfumature. Intuizione vincente è anche quella di seguire la stessa strada di Captain America, ovvero ambientare il film nel passato, in questo caso durante la Prima Guerra Mondiale. Troppo spesso i film sui supereroi sfiorano il ridicolo, quando ambientati nel presente; ancorarli alla realtà è quello che spesso distingue quelli ben riusciti da quelli meno. La guerra come sfondo e come movente delle azioni dei personaggi conferisce un senso di immediatezza alla trama e la rende credibile. Il maggior difetto, però, sta proprio nella trama, forse un po’ troppo semplicistica e che cala terribilmente nell’atto finale; motivo per cui preferiamo non unirci al coro di chi parla di capolavoro o di chi l’accosta addirittura a Il Cavaliere Oscuro di Nolan. Se si pensa però alla ripetitività della formula sui film dei supereroi, il film di Jenkins dimostra di essere una spanna sopra gli altri. E il fascino indiscutibile della sua protagonista fa il resto.


Link:
»http://www.wonderwomanfilm.com