Housetv
Filmhousetv
Horrorhousetv
Scifihousetv
Dramahousetv
Comedyhousetv
Animationhousetv
Thrillerhousetv
Serialhousetv
Soccerhousetv
Nazionalehousetv
Interhousetv
Milanhousetv
Juventushousetv
Napolihousetv
Romahousetv
Laziohousetv
Luca Svizzeretto
background
Breaking News»
Logo
Anno di produzione 2019

AD ASTRA E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE

Pubblicato il 15/09/2019
VotoVotoMEzzo votoNo votoNo voto

Un film di James Gray. Con Brad Pitt, Liv Tyler, Donald Sutherland, Tommy Lee Jones, Ruth Negga, Kimberly Elise, John Ortiz, Loren Dean

AD ASTRA  E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE DAL NOSTRO CORRISPONDENTE A LOS ANGELES

Futuro circa 2120, Brad Pitt è l’astronauta della NASA Roy McBride, l’umanità ha colonizzato la Luna, verso la quale è possibile fare anche viaggi di piacere e Marte rappresenta l’ultimo avamposto per le basi spaziali. Al fine di risolvere recenti scosse elettriche provenienti dal pianeta Nettuno che rischiano di distruggere la Terra, la NASA affida a McBride una missione top secret. Il suo compito è quello di andare alla ricerca del padre, Clifford McBride (Tommy Lee Jones), creduto morto da sedici anni, ma che in realtà potrebbe ancora trovarsi su Nettuno. Per farlo Roy dovrà prima volare sulla Luna e poi in gran segreto prendere un passaggio da una navicella diretta su Marte. Una volta sul pianeta rosso stabilire un contatto col padre, nel caso questi fosse ancora in vita. Le ovvie ripercussioni personali della missione finiranno per complicarne l’esito.

Il racconto che il regista James Gray porta sulla schermo si traduce in un film estremamente filosofico. Un uomo alla ricerca del padre, con un conto personale in sospeso e una missione da compiere top secret per conto della NASA, ovvio che ci voglia poco per scatenare un disastro. Il regista però preferisce un approccio riflessivo alla narrazione, piuttosto che movimentato. Il racconto si svolge su ritmi dilatati e con improvvisi momenti di azione ingiustificata (scimmie impazzite su una navicella dispersa, deviazione estemporanea della quale non si sentirà più parlare per il resto del film; pirati lunari che combattono per le risorse energetiche). A detta di molti la storia segue un percorso simile a quello di Apocalypse Now (o di Cuore di tenebra se vogliamo) senza averne l’impatto viscerale (per quanto visivamente splendido Ad Astra è un film freddo) che si risolve in un modo poco plausibile e poco soddisfacente. Celebrale? Si. Appassionante? Non proprio.
Nonostante una grande interpretazione di Brad Pitt e numerosi volti noti che fanno capolino qua e là senza avere davvero la possibilità di affondare i denti nella propria parte, Ad Astra è un film dalle grandi aspirazioni che non trovano riscontro nei fatti.


Link:
»http://www.adastramovie.com