Breaking News»
Anno di produzione 2012

MUD
FESTIVAL DE CANNES 2012

Pubblicato il 26/05/2012

Un film di Jeff Nichols. Con Reese Witherspoon, Matthew McConaughey, Sam Shepard, Sarah Paulson, Michael Shannon, Ray McKinnon, Joe Don Baker, Paul Sparks, Stuart Greer, Dalton Gray, Tye Sheridan, Michael Abbott Jr.

DAL NOSTRO INVIATO A CANNES

Jeff Nichols ci riprova. Dopo aver trionfato a Cannes nel 2011 con l'apocalittico 'Take Shelter', vincitore del Grand Prix della Settimana della Critica, torna sulla croisette con 'Mud'.
Storia, personaggi ed atmosfere completamente diverse rispetto alla sua pellicola precedente. Questa volta Nichols ci racconta la storia di due quattordicenni (Ellis e Neckbone) che vivono sulle rive del Mississippi e scoprono un giorno su un’isola Mud, un uomo che cerca di sfuggire da chi lo sta cercando per ucciderlo. Mud è da sempre perdutamente innamorato di Juniper che ora vive nella zona e con la quale spera di fuggire. L’unica sua speranza è quella di riuscire a far scendere dai rami di un albero una barca per poi fuggire con la donna. I ragazzi decidono di aiutarlo correndo non pochi rischi.
'Mud' è più cinema di genere rispetto al'autoriale 'Take Shelter' e si avvale di un cast di tutto rispetto: dalla bella Sarah Paulson a quel Matthew McCounaghey che, dopo aver cambiato completamente faccia artistica in 'Killer Joe' di William Friedkin, non smette più di convincere e stupire. Questo film ha poi il pregio di portare per la seconda volta sul grande schermo il giovane Tye Sheridan (dopo la prova d'esordio in 'The Tree of Life' di Malick), che promette di diventare presto una nuova scommessa vincente del cinema statunitense.
'Mud' è un film di dolore d'affetti, amore, solidarietà, comprensione e soprattutto amicizia. Prevalgono i buoni sentimenti ma non si scade nel banale e nel patetico, anzi il tutto scorre con grande dinamicità e spirito artistico, grazie anche ad una sceneggiatura che non presenta punti morti e all'ambientazione poetica della desolata provincia americana del Minnesota.
Un'opera cinematografica triste e malinconica ma dalla morale estremamente positiva. La vita è un fiume pieno di pericoli ma anche di nuove occasioni per tutti.
Tra le migliori pellicole in concorso sulla croiesette nel 2012.